Novità

Novità (90)

Presentazione di una nuova attività del FotoClub

Giovedì, 18 Gennaio 2024 11:00

Riciclaggio, nuova vita e sostenibilità

Scritto da

Riciclaggio, nuova vita e sostenibilità


Biennale fotografica itinerante Inter Foto Club
Foto Cine Club Chiasso, Foto Club Lugano e Foto Club Turrita


Introduzione


La Biennale mostra indetta da tre FotoClub distribuiti sul suolo cantonale mira ad istituire un
tema da celebrare e sviluppare per sensibilizzare l’opinione pubblica locale con tematiche di
attualità.
Nel 2024 si terrà un’esposizione per focalizzare l'attenzione sul ruolo che l’uomo ha nella
gestione sostenibile dei “rifiuti” per tutelare l’ambiente e promuovere un modello di
economia circolare.

Con rifiuti si intendono tutte le cose che a fine vita o anche non a fine vita diventino per intero
o in parti uno scarto e quindi un peso per l'ambiente. La comune spazzatura, i vecchi elettrodomestici,
i vecchi mobili, le  vecchie auto sono facce  diverse della stesso problema

Gli aspetti trattati saranno utili per istruire le persone ad una gestione etica ed umanamente
sostenibile dei rifiuti. Si tratta di un impegno collettivo verso un futuro più sostenibile,
aumentando così il livello globale di benessere.
La celebrazione è anche un'occasione per rafforzare il dialogo tra diversi attori, dai
consumatori alle aziende fino alle autorità cantonali.
Per questa eccezionale occasione, il Foto Cine Club Chiasso, il Foto Club Lugano e il Foto
Club Turrita desiderano dare il proprio contributo per mettere in evidenza questa tematica
contemporanea, attraverso un progetto fotografico che si concluderà con un’esposizione
itinerante all’aperto che si svolgerà nei rispettivi capoluoghi a partire dal  settembre 2024.

 

Obiettivo del progetto fotografico
Lo scopo dell’iniziativa è in sintesi quello di immaginare un futuro in cui ogni pezzo di carta,
ogni contenitore di plastica, ogni rifiuto, non diventi un problema, ma una soluzione. Un mondo in
cui il concetto di 'scarto' è rimpiazzato da quello di 'risorsa'. Questa visione potrebbe sembrare
utopistica, ma è proprio la direzione verso cui la gestione moderna del riciclo dei rifiuti sta
muovendo, e le sue implicazioni per la sostenibilità del nostro Pianeta sono profonde.
L'idea dietro una gestione etica ed umanamente sostenibile dei rifiuti è semplice: anziché vederli
come un problema da eliminare, vediamoli come una risorsa da valorizzare. Questo cambiamento di
prospettiva può sembrare piccolo, ma ha il potenziale di rivoluzionare interamente il nostro
approccio verso l’ambiente.
Il nostro obiettivo, è quello di realizzare una mostra fotografica con delle immagini che
contengano questi importanti messaggi, focalizzandoci in particolare sul seguente:
l’impatto del riciclaggio sull’uomo e sull’ambiente.
Abbiamo pertanto elaborato delle linee guida e diversi supporti che vi illustreremo in seguito per
facilitarvi il lavoro.

Tema e le linee guida
L'idea di combinare fotografia e rifiuti potrebbe sembrare insolita, ma in realtà è un connubio che
si sta rivelando sempre più rilevante nel contesto contemporaneo. Il rifiuto, in quanto simbolo di
ciò che viene scartato, ha il potere di stimolare riflessioni profonde sulla società e sui processi
di consumo.

L'arte, nella sua essenza, è una forma di espressione che trascende le barriere convenzionali,
sfida le norme e stimola nuove prospettive.

In un'epoca in cui le questioni di sostenibilità e conservazione ambientale sono sempre più
pressanti, fotografare come vengono utilizzati i rifiuti diventa un mezzo espressivo ed ha il
potere di farci riflettere sulle conseguenze delle nostre azioni e sulle possibilità che possono
emergere da ciò che solitamente viene scartato. Il concetto di rifiuto, trasformandolo da problema
a soluzione, da qualcosa di indesiderato a un materiale prezioso e pieno di potenziale. Ne
scaturirà una visione del futuro in cui il rifiuto non è più visto solo come un prodotto
indesiderato del consumo, ma come una risorsa che può essere riutilizzata e trasformata. Un segno
di un cambiamento più ampio nella nostra società e nel nostro modo di pensare al consumo e alla
produzione di rifiuti.

Un futuro in cui l'arte non è solo un veicolo per esprimere idee, ma anche un modo per stimolare
cambiamenti e promuovere un approccio più sostenibile e rispettoso dell’ambiente.
RICICLAGGIO, NUOVA VITA E SOSTENIBILITÀ 2

Criteri di valutazione
Per poter valutare e selezionare le fotografie da esporre, gli organizzatori si appoggeranno alla
preziosa opinione di una giuria di 3-5 persone di cui almeno 2 saranno fotografi (che sarà
comunicata in seguito). Essi avranno il compito di selezionare le migliori foto, tenendo conto
dell’attinenza al tema, della composizione e della tecnica fotografica.
Le foto dovranno rispettare i criteri seguenti:
• Tecnica fotografica di base (luce, composizione, inquadratura, proporzionalità, ...)
• Originalità dell’idea
• Raggiungimento degli obiettivi e focalizzazione del tema proposto
• impatto della fotografia (quanto colpisce la fotografia a prima vista)
• Un massimo di 3 foto a persona (di cui al massimo 1 foto sarà esposta)
• Ogni fotografia dovrà essere accompagnata da una didascalia con un massimo di 200 battute
(compresi gli spazi)
• Le foto dovranno essere di buona qualità, con una risoluzione minima di 150DPI (optimum 300DPI).
La misura del lato minore della foto dovrà essere al minimo 4000px e le foto potranno avere formato
orizzontale, verticale o quadrato.

Ogni FotoClub avrà a disposizione almeno 10 pannelli espositivi.
I membri dell’organizzazione sono a disposizione per ulteriori chiarimenti per quanto riguarda il
formato finale delle foto.
Scadenze
La prima mostra avrà luogo a partire da settembre 2024 e questo ci impone dei limiti organizzativi
precisi. Preghiamo quindi ogni partecipante di consegnare le proprie fotografie ai rispettivi
Fotoclub, entro e non oltre il 16 giugno 2024.

Collaborazione
La creazione di una mostra Biennale con dei temi di attualità che fanno parte della nostra vita
quotidiana, permette di coinvolgere gli attori principali del settore in questione, pubblico e/o
privato, del Canton Ticino.

Serata intermedia
Verrà organizzata una serata intermedia durante la quale verranno raccolte e proiettate le foto da
voi realizzate fino a quel momento. Questo ci permetterà di commentarle, di proporre dei
miglioramenti e eventualmente di incoraggiare lo sviluppo di sotto temi meno trattati.

 


Un grande in bocca al lupo a tutti i partecipanti!

Mercoledì, 27 Dicembre 2023 21:24

Inaugurazione del presepe sommerso

Scritto da

Sabato  16 dicembre é stato inaugurato il presepe sommerso di Lugano

alla presenza del vescovo Mons. De Raemy, don Davide (parroco di Cadro) del Gran Consigliere On. Schnellmann, dei municipali di Lugano On. Badaracco e On. Lombardi.

Qui sotto alcune immagini dall'evento.

 

Sabato, 02 Dicembre 2023 18:43

Viaggi fotografici

Scritto da

Viaggi fotografici
(presentazione di Marco Cortesi del 28 novembre)

 

Ancora le seguenti informazioni:

  • Tutti i viaggi (con relativi dettagli) si trovano sul sito: https://www.viaggifotografici.ch
  • Il viaggio in Uzbekistan sarà pubblicato quando ho tutti i dettagli definitivi (e vi farò avere informazioni a riguardo).
  • Per ricevere uno sconto di 100€ sul primo viaggio è sufficiente iscriversi alla nostra newsletter sul sito (in basso ad ogni pagina).
  • Per qualsiasi domanda o per viaggi su richiesta (anche da parte del Fotoclub in sé) si può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sabato, 25 Novembre 2023 10:11

Photosuisse 2023: i risultati del concorso

Scritto da

PHOTOSUISSE

 

Gian Piero Pampuri il 26 settembre scorso ha presentato i risultati del concorso. 

 

Ancora una volta il FotoClubLugano si é profilato .
Grande la partecipazione dei soci ed eccezionale il risultato ottenuto.
Siamo stati giudicati come il

 

              2° miglior FotoClub della Svizzera su 21 partecipanti

Molte le foto accettate, molte quelle premiate.
Tra queste la migliore foto di still life, di paesaggio, di fauna e flora, di street life, di indutria tecnica e scienza.

Qui sotto trovate tutte le fotografie partecipanti

 

Giovedì, 23 Novembre 2023 20:46

100 ritratti di 10 grandi fotografi

Scritto da

100 ritratti

di 

10 grandi fotografi

 

 

Fotografie scelte e commentate da

GianPiero Pampuri

 

una prima puntata, poiché GianPiero

ha già in programma per il prossimo anno la presentazione di

altri 10 fotografi

 

_______________________________________________

 

 

 

Domenica, 12 Novembre 2023 21:35

Photochallenge : Chi sono io

Scritto da

PHOTOCHALLENGE

 

2a serata di Photochallenge

Ieri sera si è tenuta la seconda serata del Fotochallenge e per coloro che non hanno
potuto venire riassumo brevemente i punti essenziali:

  • Ognuno ha espresso un’idea del proprio approccio al tema di quest’anno,
    in buona sostanza quale parte di se stesso/a intenderà raccontare in immagine
  • Abbiamo visto alcune immagini di una partecipante che ha fotografato degli oggetti che colleziona
    (oltre ad altri che non erano nelle foto) e ragionato su che cosa rappresentano di lei e sulle possibilità di realizzare un lavoro con questi oggetti che possa raccontarla
  • si è discusso in seguito sulle prossime scelte con le quali ognuno dei partecipanti si trova confrontato:
    cosa voglio dire delle parti di me che ho scelto di rappresentare, e quindi cosa devo raffigurare nelle mie immagini e con che tipo di foto, che stile.
    Il tutto allo scopo principale (prima ancora di pensare a fare delle “belle” foto) di comunicare all’osservatore finale ciò che voglio,
    o meglio, l’osservatore finale dovrà avere l’idea di voi che Voi avete deciso.
  • Qualcuno ha portato un progetto già strutturato e discusso come potrà essere svolto
  • Una considerazione generale mia: diversi hanno portato l’idea di se stessi nel corso della propria vita,
    quindi un viaggio temporale che comporta l’utilizzo di immagini d’epoca o la costruzione di immagini che sembrano d’epoca.
    Altri hanno preferito non dipendere nel proprio lavoro da, diciamo cosi, il tempo che passa, ma di descriversi come sono senza sequenza temporale.
    preferisco la seconda opzione, ma si possono fare entrambi.
    Una cosa che tutti dovranno comunque fare è un po’ di introspezione, di guardarsi dentro (l’avevamo già detto)
    e vincere se vogliamo un po’ il pudore o timidezza nel mostrarsi almeno un po’.
    Un piccolo suggerimento: realizzate se volete anche delle immagini che non siano immediatamente comprensibili
    (potete usare lo sfuocato, il mosso), che lasciano spazio all’osservatore di immaginare e di interpretare queste immagini.

  • Scadenze: 
    •      31.12:  ognuno/a dovrà aver deciso cosa fare, almeno cosa raccontare di se stesso/a
           (io rimango più o meno a disposizione via mail per domande, soprattutto per chi non c’era martedì)
    •      gennaio: al nostro prossimo incontro di gennaio potete portare delle foto fatte anche con il telefonino di cosa vi piacerebbe fotografare per raccontarvi
           (potete anche fare dei disegni se siete bravi): questa sarà la bozza sulla quale lavorare durante la serata
           per decidere quale foto vale la pena di essere fatta perbene e come.
                                    
    •      incontro successivo: presentazione primi scatti realizzati e affinamento lavoro (foto mancanti, da fare diversamente o riscattare)                  
    •      il resto a seguire...

Un saluto a tutti e buona serata

Sandro

 

1a serata di Photochallenge

la scelta del tema è stata: Chi sono io

Sono doverose alcune spiegazioni:
siamo sempre proiettati verso l’esterno e cerchiamo nei nostri lavori fotografici di descrivere ciò che vediamo e sentiamo intorno a noi,
in questo tema il soggetto siamo invece noi stessi: l’idea è cercare ciò che vi rappresenta (oggetti, luoghi, persone)
e costruire un quadro fotografico su di voi, molto più di un semplice autoritratto.

Il lavoro può essere svolto pensando alla propria vita cronologicamente, oppure raccontando se stessi oggi senza occuparsi del proprio passato,
o si possono raccontare le proprie visioni per il futuro, l’interpretzione è libera.
Si può scegliere cosa raccontare e cosa non raccontare di se stessi: non bisogna per forza esporre o descrivere cose intime o personali
che devono a vostro giudizio rimanere tali che non volete divulgare, tenendo conto che comunque l’insieme delle immagini
che presenterete riesca a dare l’idea di chi siete.

Per questo lavoro occorre fare qualche riflessione su se stessi e anche su come si vuol presentare la propria persona,
a tal proposito si è pensato di offrire la possibilità si utilizzare diverse tecniche fotografiche: a seconda delle vostre scelte tecniche
il Fotoclub potrà organizzare dei momenti e delle persone che vi aiutino nelle varie tecniche proposte che sono:

  1. Foro stenopeico: si fotografa direttamente su carta da camera oscura e si utilizza un bidone dell’ovomaltina (oppure esistono fotocamere appositamente preparate) al quale si pratica un piccolo foro, non si vede con esattezza l’inquadratura che si fa e si ottengono immagini su carta in bianco e nero non proprio nitide (ho inserito questo metodo perché è la tecnica fotografica più rudimentale che esiste). 

  2. Analogico: si scatta su pellicola poi si scansionano i negativi e si stampa con la stampante inkjet (nel caso di negativi in bianco e nero si può anche stampare in camera oscura su carta fotografica).

  3. Digitale: riprese con fotocamera da ottimizzare in Lr o ACR ed eventualmente modificare in Ps.

  4. AI: generazione di immagini senza fare delle riprese, direttamente dal computer

Il “compito” per il prossimo incontro di metà novembre è di scegliere una vostra chiave di interpretazione del tema,
cioè cosa racconto di me e come lo racconto. Sarebbe ideale che ognuno arrivi con un progetto che può essere fatto di disegni o anche scritto,
nel quale si descrive a grandi linee cosa si intende fotografare e come, in modo da capire in che direzione
intendete andare e semmai correggere il tiro prima di passare alla realizzazione degli scatti. 

Siccome siete personalmente molto coinvolti a livello emotivo in questo progetto (descrivete voi stessi),
sarà molto utile confrontarsi con gli altri partecipanti per capire se ciò che intendete dire con le vostre immagini arriva all’osservatore
che non ha tutte le informazioni sulla vostra vita come voi, per cui nelle serate insieme si confronteranno i lavori tra i partecipanti per verificare questo aspetto.

Il numero di immagini da presentare può variare indicativamente tra 8 e 12.

Come per il tema dell’energia ci sarà forse la possibilità di organizzare una mostra, aspetto che verrà chiarito
nei prossimi mesi, in modo da potersi organizzare per tempo.
Sperando di aver stimolato il vostro interesse con questo nuovo tema, rimango a disposizione via mail per
eventuali domande o chiarimenti in merito.

 

Un saluto a tutti e buone foto

Sandro

Domenica, 05 Novembre 2023 14:42

Giorgio Moretti e le sue fotografie

Scritto da

Giorgio Moretti ci ha presentato con entusiasmo e passione il suo percorso fotografico
e le fotografie che lo hanno caratterizzato.

Dalle immagini dedicate al ciclismo a quelle dedicate alla natura con immagini di paesaggi e animali eccezionale.

Nelle presentazione allegata potete scoprire le più sognificative.

 

La fotografia di Giorgio Moretti.pdf

 

 

Giorgio Moretti

Giorgio Moretti, bellinzonese di Giubiasco, anno di nascita 1957, inizia a dedicarsi sporadicamente alla fotografia durante un viaggio di lavoro,
in particolare uno stage professionale in Nepal, utilizzando diapositive, dice lui stesso, “senza capire molto di fotografia e di apparecchi fotografici”.
Professionalmente, quale ingegnere forestale presso la Sezione forestale, cerca di mettere su pellicola delle situazioni dei nostri boschi.
Durante il periodo di attività come presidente e allenatore del Velo Club Bellinzona cerca di dare forma a documenti fotografici dei giovani atleti
che si dedicano a questo sport, anche se, come gli ricordano i suoi figli sono più spesso le riprese delle ruote posteriori che quelle riuscite.

Durante l’organizzazione di una delle tappe del Tour de Suisse nel Bellinzonese riesce ad avere in prestito una delle prime Canon digitali
da un negozio e scattare un migliaio di fotografie di quell’evento. Un scoperta.
Acquista quindi un apparecchio Nikon digitale (D70), dato che era già in possesso di alcuni obiettivi della stessa marca ed inizia ad approfondire
la fotografia senpre più in relazione al ciclismo. Ma spostandosi pian piano verso la fotografia di paesaggio.
Un momento importante è da ricordare, quando nel 2014 si trova a fotografare l’arrivo del Giro delle Svizzera a Giubiasco accanto ad un fotografo che seguiva molte gare.
Alla domanda a quel fotografo come avesse impostato l’apparecchio foto, il fotografo guardò il cielo e poi disse: “tempo 1/500, F 5,6, Iso 400”.
Giorgio scattò in automatico “P” per essere sicuro di fissare il momento non ripetibile dell’arrivo dell’intero gruppo allo sprint sul traguardo.
Generosamente il fotografo gli diede la sua carta CF dopo la fine dell’arrivo degli ultimi corridori: “vai a casa e scarica le foto”.
Un’altra scoperta: le sue foto sono nettamenre migliori di quelle di Giorgio.
L’esperienza di chi sapeva come usare un apparecchio foto per fissare un evento sportivo. Grazie ancora Cesare!!!!

La prossima fase riguarda lo spostamento verso la foto di animali, un grande passione , gli animali, di Giorgio fin dalla sua gioventù.
Sempre più si dedica alla fotografia di mammiferi e uccelli, dedicando molte ore in ambienti naturali e scoprendo il comportamento di molti di questi,
fatto indispensabile per poterli anche riprendere.
Si aprono così nuovi orizzonti di ore ed ore di attesa che qualcosa succeda e quasi sempre ciò accade. 5 secondi di presenza di un martin pescatore
che si ferma su un ramo a circa 3 metri dopo 5 ore di attesa sono una soddisfazione indescrivibile, soprattutto se coronate da successo fotografico.
L’aspetto interessante è comunque la possibilità di continuare a migliorarsi ed evolvere da un punto di vista della tecnica ma soprattutto di quello dell’espressione fotografica.

Un prossimi passo, in parte già iniziato, sarà quello di approfondire la fotografia analogica medio formato tramite una Hasselblad 500C acquistata alcuni mesi fa.

Giorgio Moretti, ottobre 2023

 

 

Venerdì, 27 Ottobre 2023 20:56

a Padova e Venezia

Scritto da

Padova e Venezia

 

tra il 20 ed il 22 ottobre 17 soci del FotoClub hanno partecipato al viaggio a Padova e Venezia.
Organizzato da Erwin Maier, che ringraziamo tantissimo per il suo impegno, abbiamo potuto viistare la Cappella degli Scrovegni
una meraviglia decorata da Giotto, navigare sul Brenta visitando le ville ed entrando a Venezia dal mare in una serata con una luce eccezionale.
Luoghi eccezionali.

 

A Venezia, piena di gente ma sempre eccezionale, vista la mostra fotografica "Chronorama" a Palazzo Grassi.
Poi un breve sguardo qua e là: bellissimo !

Qui sotto le immagini dei soci partecipanti (che si completeranno adagio adagio ...).

 

 

 

Giovedì, 26 Ottobre 2023 22:06

Lugano Classic

Scritto da

Lugano Classic

 

Esposizione di automobili storiche

nelle piazze della città di Lugano

e tour alla scoperta del Ticino

 

Fotografate dai soci del FotoClubLugano Monika Stark, Franco Schepisi ed Ernesto Wisler