Giuseppe Piffaretti

Giuseppe Piffaretti

Mercoledì, 14 Marzo 2018 20:22

La foto del mese : 2018

Thomas Reber

ha presentato una scelta delle sue fotografie

concentrandosi su paesaggi a colori, in bianco nero e architettura

clicca qui per vedere tutte le fotografie

 

Le foto, studiate e riprese con grande pazienza, aspettando l'attimo giusto,
sono tutte di grande qualità e bellezza.
Nella discussione si é vista l'importanza della postproduzione combinata con la preparazione
alla fotografia (più scatti per la stessa immagine) per ottenere risultati d'eccellenza

Domenica, 18 Febbraio 2018 15:44

Assemblea 2018 del FotoClubLugano

 

Ai seguenti indirizzi trovate verbale e rapporti dall'assemblea 2018

 

Verbale dell'assemblea


Bilancio al 31.12.2017


Conto economico 2017


e


Relazione del presidente

 

 

... e per non parlare solo di conti
un'osservazione di Bruno Vezzoni su

Fotografia e arte
(dal nostro PORTFOLIO 2017)

 

Bruno Vezzoni

 

IMG 1116 2

Lunedì, 12 Febbraio 2018 17:07

Smartphones o macchine fotografiche ?

(Recensione da dpreview.com sul nuovo smartphone di google)

 

Le recensioni degli smartphone di DPReview sono state scritte pensando alle esigenze dei fotografi.
Ci concentriamo sulle funzioni della fotocamera, le prestazioni e la qualità dell'immagine.
Pixel 2 e il suo fratello maggiore, Pixel 2 XL rappresentano gli ultimi telefoni di punta di Google.
Entrambi offrono una singola fotocamera principale da 12,2 MP F1,8 e una fotocamera "selfie"
da 8 megapixel F2.4. Dal punto di vista del fotografo che potrebbe non sembrare qualcosa di
speciale - dopo tutto, l'iPhone X offre due telecamere posteriori - ma grazie all'elaborazione dietro
le quinte, Pixel 2 è in grado di eseguire alcune delle foto più dettagliate che abbiamo mai visto da uno smartphone.
Presenta anche un effetto di sfocatura dello sfondo (modalità verticale), acquisizione DNG Raw
(con l'utilizzo di un'app di terze parti), video 4K / 30p e stabilizzazione ottica dell'immagine.
Inoltre, tutti i possessori di Pixel 2 usufruiscono gratuitamente dello spazio di archiviazione
di Google Foto per foto e video sul dispositivo fino alla fine del 2020. Successivamente, gli utenti
continueranno a usufruire dello spazio di archiviazione gratuito, ma i file salvati saranno versioni
compresse di alta qualità ancora disponibile per un prezzo).


Al prezzo di $ 650, Pixel 2 non è economico, ma è 2/3 del prezzo di iPhone X.

 

ISO 82 | 1/23000 di secondo | F1.8

Pixel 2 offre un'eccellente qualità dell'immagine grazie a una combinazione di elaborazione hardware e software.

Con il progredire delle fotocamere degli smartphone,
stiamo assistendo a una spaccatura culturale da parte delle società di fotocamere tradizionali,
che si affidano principalmente all'hardware e all'ottica per ottenere una buona qualità dell'immagine,
proprio come hanno fatto con le loro fotocamere a pellicola. Invece, i produttori di smartphone si affidano
maggiormente alla fotografia computazionale e all'intelligenza artificiale per produrre una foto dettagliata
e ben tonica, "fuori dalla fotocamera". Con un solo pulsante, non è necessario impostare da sé
l'esposizione o la compensazione della gamma dinamica o la modalità AF.
La salsa segreta di Google si trova in quello che la società chiama "HDR +", che giudica l'esposizione
in modo intelligente e utilizza tecniche multi-imaging per ogni scatto.
Ci si può perciò chiedere se la fotografia computazionale, alla Pixel 2, sia pronta
per sostituire la gamma di fotocamere tascabili ? O addirittura le fotocamere “mirrorless” …  o DSLR?

A parte l'eccellente fotocamera, Pixel 2 è uno smartphone abbastanza comune.

Fotochallenge 2018 - 2019

Questa serie si svolgerà in 4 fasi e ha come tema generale 


Il ritratto


Le quattro serate saranno collegate tra di loro da questo grande tema
(all'esterno, in studio, nell'architettura, ...)

che farà da “fil rouge” per i quattro incontri del semestre.
Questo permetterà poi di avere una piccola serie

di quattro fotografie  per ciascun socio che partecipa.

Se un socio non potrà partcipare ad una delle serate, potrà <recuperare> poi alla serata finale presentando
il portfolio di 4 immagini completo.

I temi delle 4 immagini sono:

1. Ritratto e architettura

2. Ritratto nella natura

3. I.O.

4. La mia migliore amica
o
Il mio migliore amico

Come per il Fotochallenge "il lavoro"
ci sarà una quinta serata con la presentazione delle 4 immagini come Portfolio

che saranno giudicate da fotografi professionisti.

Come sempre la fotografia é da portare

sia stampata (formato A4) che in formato digitale

(grandezza utile per stampare in A4, cioé almeno 3000x4000 pixel)

 

 

Cliccando qui trovate e potete scaricare il

regolamento completo

 

Sabato, 04 Marzo 2017 09:43

Collaborazione con altri FotoClub ?

Collaborazione tra fotoclub ?

Su iniziativa del FotoClub Chiasso ci siamo incontrati, mercoledì 1. marzo,
con rappresentanti di alcuni FotoClub ticinesi. Erano presenti collaboratori dei fotoclub
Chiasso,  Iride, Verzasca.

Si é concordato di proporre eventi da svolgere in comune e di ritrovarsi giovedì
giovedì 15 marzo per discuterne la realizzazione.

 

 

Domenica, 27 Novembre 2016 21:10

Palladio: le ville sul Brenta

Palladio

è colui che rinnova il linguaggio architettonico rinascimentale,
liberandolo da tutti gli orpelli Manieristici,
ma anche colui che idealmente conclude questa esperienza,
ormai alle soglie del Barocco.

 

Qui una scelta delle fotografie
scattate dai partecipanti alla gita.

 

 

Sabato, 30 Gennaio 2016 21:36

Cosa offre il Club

Sabato, 30 Gennaio 2016 21:31

Storia del Club

Il Foto Club Lugano nasce nel 1931 con la denominazione Club Cine dilettanti Lugano. Fra i soci fondatori ricordiamo Angelo Camponovo (nella cui osteria c'era la sede), Hans Wullschleger, Piero Volontè, Lucia Bernasconi-Magneret e Vincenzo Vicari. Associatisi in un secondo tempo il dottor Amilcare Brivio e l'architetto Gastone Cambin, essi saranno i fautori di quella rinascita che seguirà alla pausa degli anni ‘50 ed anche i primi presidenti.

 

Nel neonato Club l’interesse era soprattutto centrato sulla cinematografia, a quel tempo rappresentata dal costoso 16 mm. Solo successivamente e forse anche grazie all’affermarsi delle Leica e del più economico formato 35 mm la fotografia prese il sopravvento. Si parlava ancora rigorosamente di pellicole in bianco e nero che i soci avevano la possibilità di sviluppare e stampare nella camera oscura attrezzata nella sede del Club, quella sede che negli anni ’50 venne a mancare causando un periodo di forzata inattività.

Finalmente il 14 febbraio 1967 nello studio fotografico di Vincenzo Vicari un gruppo di vecchi soci ed alcuni nuovi rifondarono il Club con la denominazione Associazione Luganese Foto Cine Dilettanti, ereditando le attrezzature del precedente Club e 496.60 franchi di residuo cassa. Il 26 aprile 1967 si costituì ufficialmente la prima assemblea con la nomina del comitato cosi composto: presidente Amilcare Brivio, vice-presidente Fabio Forni, direttore tecnico Floriano Egger, consigliera Lucia Bernasconi.

 

A fine anno, da 35, i soci aumentarono a 52 e negli anni seguenti si arrivò ad oltre 100 (attualmente,2016) il Club ne conta ca 70). Anche se la nuova denominazione manteneva ancora la parola Cine, l’attività principale del Club stava diventando ormai sempre più la fotografia. Soltanto pochi soci continuavano a praticare in modo impegnato la cinematografia fino a che, nel 1984, si divisero dal gruppo principale fondando con Rolf Leuenberger il CiAC (Cineamatori Ceresio) che ottenne (e ottiene) lusinghieri successi con film semi-professionali.

Nel 1987 il Club si trasferisce in via Ciseri 1  e, nel 1997, durante la lunga presidenza di Benito Panelli il nome viene definitivamente cambiato in Foto Club Lugano, sancendo con ciò la definitiva consacrazione alla fotografia. La presidenza passa nel 2001 a Ruth Cassina che inizia un processo di avvicinamento alle nuove tecnologie anche grazie alla presenza di nuovi soci attivi nel settore delle tecnologie digitali.

 

Nel 2005 viene nominato il nuovo comitato esecutivo con alla presidenza Vito Noto, coadiuvato dai membri del comitato Marco Cortesi (vice-presidente), Oliver Ayerle (responsabile tecnico), Andrea Cochet (cassiere), Ivo Kwee (webmaster), Olivia Meneghetti (segretaria).

Nel 2005 il FotoClubLugano, insieme al Gruppo Amici della Fotografia di Caslano ed al gruppo Imago di Luino, dà vita ad insARTes un’associazione artistica il cui intento è quello di raccogliere e supportare concretamente tutte le espressioni, forme, pulsioni artistiche e culturali presenti sul territorio insubrico, sottolineando contemporaneamente l’appartenenza concreta a una regione omogenea e dalle precise radici storiche.

 

Diversi soci hanno ottenuto premi e riconoscimenti per la partecipazione a concorsi, esposizioni personali o di club. In campo Cine da segnalare il socio Mino Müller che negli anni ‘70 ottenne diversi riconoscimenti internazionali anche come professionista RTSI. In campo Foto vale la pena ricordare il successo collettivo nel concorso Photo Suisse del 1999, dove il Club ottenne il titolo di campione svizzero con le immagini di Krystyna Rezzonico, Walo Thönen, Benito Panelli, Andrea Cochet, Michele Engeler e Domenico Malandra. A proposito di Photo Suisse (prima denominata ASPA): l’iscrizione del nostro Club data al 1973 e da allora i soci più attivi hanno garantito la partecipazione a quasi tutti i concorsi annuali. Nel 1990 il Club ha organizzato l'assemblea annuale ASPA nel Palazzo dei Congressi a Lugano.

 

Nel 2006 viene nominato il comitato esecutivo alla cui presidenza resta Vito Noto, coadiuvato dai membri del comitato Drago Stevanovic (vice-presidente), Oliver Ayerle (responsabile tecnico), Andrea Cochet (cassiere), Ivo Kwee (webmaster), Petra Spielmann (segretaria), Anna Maria Frasca (consigliera comitato), Jan Righetti (gestione C.I.).

Negli anni successivi molti soci danno il loro contributo collaborando nel comitato a dare continuità alle molte attività che caratterizzano il FotoClubLugano.
Tra questi :  Drago Stevanovic (per alcuni anni vice-presidente), Ognjen Palija (webmaster), Claudia Antonini (segretaria), Paola Rezzonico (assistente gestione C.I. che poi nel 2010 diventerà vice-presidente), Giuseppe Piffaretti (dal 2008), Elena Mariani (segretaria ad interim),Vincenzo Cammarata (gestione C.I) , Daniele Saccà, Dominique Douillez (responsabile tecnico) Alessandro Mascetti (cassiere), Marina Zuccarelli (segretaria), Maria Ares Chillon , Andrea Ceria (Cassiere), Giacomo Cioffi (responsabile tecnico),  Giulia Caramori (segretaria), Vincenzo Cammarata (public relations).

 

Dal 2011 il FCL si trasferisce in via Ronchetto a Molino Nuovo, in una nuova sede dove l'attività si concentra sempre più sulla fotografia digitale. La camera oscura viene modernizzata ma il suo utilizzo si limita a dimostrazioni di "ciò che si faceva ...".  I cambiamenti sia di tecnologia che sociali sono preponderanti e influenzano notevolmente il FotoClub.

Apertura del Club tutti i martedì dalle ore 20.00

(Durante il periodo scolastico e salvo attività dislocate o fuori stagione. Consulta il programma pubblicato sul sito)

via Ronchetto 21, Lugano


Indirizzo postale:

FotoClubLugano, via Lavina 14, 6965 Cadro-Lugano

Tel. +41 91 943 45 61